Stuart Pearson diventa oscuro e profondo in Mojave

di  Bob Smith - The Static Dive

La prima infanzia di Stuart Pearson lo ha portato dai sobborghi di Long Island al Midwest rurale e poi di nuovo a est nella giungla di cemento di Manhattan. Da bambino, la musica era la sua fuga e la catarsi mentre combatteva contro l'epilessia. I suoi viaggi hanno esposto il giovane artista a un ricco arazzo di musica nordamericana, dal classico cantautore Folk di leggende come Leonard Cohen e l'icona Country Johnny Cash agli eroi proto-punk e glam del palcoscenico CBGB come i New York Dolls, Television, Ramones e, naturalmente, i Velvet Underground di Lou Reed. Il suo suono è stato ugualmente influenzato dalla tradizione e dalla rivoluzione.

Con la sua band "Through the Woods", Pearson ha plasmato queste influenze in un nuovo genere musicale unico ora chiamato Dark Americana. Il gruppo ha suonato per tutti gli anni '90 mescolando un'estetica postmoderna con un'atmosfera Alt-Country e una scelta selvaggiamente creativa di strumenti, dai glockenspiel ai coprimozzi. Negli anni 2000 Stuart Pearson ha lanciato una carriera da solista che ha prodotto una mezza dozzina di album di esplorazione musicale altrettanto avventurosa.
 

"Nel 2007, mi sono esibito nel tour Taste of Chaos e The Warped Tour usando uno Slinky, una scimmia giocattolo che suona i piatti, giocattoli di Natale telecomandati, fisarmonica, ghironda e pianoforte giocattolo, suonando canzoni hip-hop e metal." - Stuart Pearson

 

"Mojave" è l'ultimo album di Stuart Pearson, pubblicato in tutto il mondo su tutti i principali servizi di streaming il 30 ottobre 2021. La raccolta di 10 brani è la seconda di una serie di album di Dark Americana, dopo "Dark Americana: Stories and Songs" dell'anno scorso. " Nel corso del disco, Pearson ci porta in un viaggio attraverso le strade secondarie, le autostrade perdute e gli angoli oscuri dell'America.
 

Il disco si apre sulla sua traccia americana più tradizionale. “Like a House With Broken Windows” vede il protagonista della canzone usare similitudini per dipingere un quadro dei peccati e dei segreti della propria vita. Un ensemble di chitarre acustiche, elettriche e d'acciaio, mandolino, basso e batteria suona mentre Stuart Pearson accenna a quello che verrà, cantando "tutti gli uomini cattivi che sono stato".  
 

"Down the Ravine" introduce un tocco d'avanguardia. Evocando il grande Tom Waits, Stuart Pearson riff sull'immaginario raccapricciante che suggerisce il titolo della canzone, mentre la band offre un po' di blues grungy bidone della spazzatura.

 

"Dragging the Lake (on the Day of the Dead)" segue con un suono più mainstream ma con un soggetto ugualmente oscuro. Il suono ricorda il brillante lavoro solista di Robbie Robertson della The Band.
 

In "Are They Digging Your Grave (o stanno scavando la mia)" il cantante offre un profondo baritono Country e una poesia oscura su un classico western, battito di piedi e battito di tamburi da marcia funebre. Sia nello stile che nella sostanza, la canzone vive da qualche parte tra il Country di fuoco e zolfo di Johnny Cash e il Folk emotivamente torturato di Leonard Cohen.
 

“You Don't See Me (Jimmy Crack Corn)” ci porta in uno degli angoli più oscuri di questo thriller psicologico. Un beat lo-fi ribolle, alimentato da  Riff di sassofono in stile morfina. Una chitarra tremolo e accordi di organo lontani fluttuano alla periferia mentre il cantante offre un monologo dal punto di vista di un uomo che può essere uno stalker, uno stupratore, un fantasma o tutti e tre. È un vero creeper, ed è fantastico.
 

Musicalmente, "The Interstate" è una corsa sfrenata. In pista, Stuart Pearson abbina un classico ritmo ferroviario con un mix di suoni tradizionali ed esotici. Sebbene la band sia composta da una strumentazione blues e country americana standard, con una combinazione di chitarre e Jaw Harp evoca l'anima di un didgeridoo aborigeno e intraprende questo viaggio omicida in una deviazione attraverso l'outback australiano.
 

In superficie "One Cut" suona come una bella canzone d'amore Country/Folk. La cantante ospite Hunter Lowry canta il suo amore e la devozione per suo marito. Tuttavia, è presto evidente che qualcosa non va. È pazza. Alla fine di questa bella ballata malinconica ci rendiamo conto che la sposa intende salvare l'anima del suo amante e la sua con un sanguinoso omicidio/suicidio.
 

L'inquietante "You Never Really Know" segue con un arrangiamento cinematografico. La voce profonda e teatrale di Stuart Pearson che atterra da qualche parte tra Nick Cave e  Il guardiano notturno di Tom Morello.
 

Durante "Mojave", i cattivi ragazzi / ragazze sembrano vincere. I loro crimini sembrano essere puniti solo da una follia sempre crescente. "Tomorrow's Gonna Hunt You Down" suggerisce una possibile punizione, anche se non è del tutto chiaro se sarà il colpevole o l'innocente a pagare, se qualcuno è veramente innocente in questo racconto di Dark Americana. La traccia presenta un bel po' di psichedelia e un fantastico assolo di violino esteso.


L'album termina con "Dance Skeletons Dance", un eclettico mix di batteria Surf, dramma Prog Rock, violini e sub-ritmi castinet. Nel frattempo, Stuart Pearson canta un profondo soliloquio baritonale dal punto di vista di un assassino che osserva la carneficina della sua vita.  
 

Musicalmente, "Mojave" è un mix ricco e soddisfacente di passato e futuro, tradizione e avanguardia. Con un impavido senso dell'avventura Stuart Pearson esplora le molte sfumature della musica americana. Non viene lasciato nulla di intentato dal delta del Mississippi alle pianure occidentali e alle case d'arte del Greenwich Village. Dal punto di vista dei testi, il disco è come una raccolta di racconti di psicodramma che si tuffano profondamente negli elementi più inquietanti della psiche umana. Immagina un romanzo di Stephen King letto dalle storie dell'antagonista omicida, con una colonna sonora psichedelica di Americana. È profondo, oscuro e infinitamente inquietante. Ed è molto divertente.
 

Dai un'occhiata a "Mojave" nella sua interezza di seguito o ascolta sul tuo  servizio di streaming preferito . Puoi anche ascoltare il brano “Down in the Ravine” sul  Immersione profonda indie  playlist . Segui i link sottostanti per entrare in contatto con Stuart Pearson. Vai sui suoi social e scava nel suo ricco catalogo di musica.
 

READ MORE ARTICLES