INTERVISTA: Stuart Pearson pubblica "Mojave"

di FVMusicBlog

Abbiamo avuto la fortuna di incontrare il brillante musicista Stuart Pearson dopo l'uscita del suo superbo album in studio "Mojave".
 

Ciao Stuart, ci parli di te?
 

Ciao FV!  Su di me - Non ho tatuaggi.  Io sono il tatuaggio. Non ho niente contro i tatuaggi, so solo che un giorno morirò cadendo in una torbiera, solo per scoprire il mio corpo in 5000 anni con la mia pelle avvizzita intatta.  Non voglio che quegli archeologi pensino che il mio tatuaggio del logo Nike abbia un qualche significato religioso.

Qual è il tuo processo di scrittura delle canzoni?

Il processo cambia continuamente.  Scrivo canzoni da quando ero piccolo, quindi so che se voglio scrivere una canzone, posso sedermi e scriverne una. Potrebbe non essere una BUONA canzone, ma sarà una canzone. Quindi questo mi dà un po' di libertà. Potrebbe sembrare strano, ma mi piace prima "vedere" la canzone. A volte creo un video immaginario su cui vorrei fare una canzone.  Altre volte è un'emozione che vedo. Poi costruisco un appartamento con una camera da letto nella mia testa e lo affido a quel video/emozione per sedermi e pensare a se stesso. Allora voglio un titolo interessante.  Se ricevo quel titolo, lo porto in quella stanza che ho creato nella mia testa, lo presento al mio video immaginario e vedo se il titolo vuole dormire sul divano.  Con un po' di fortuna, la prossima volta che busso alla porta, il titolo apre la porta con un neonato in braccio. Non ho bisogno di sapere come sia successo – non spetta a me giudicare gli altri.  Poi lo suono per Hunter (mia moglie e compagno di musica) e lei mi dice se il bambino è brutto o no.

Ci parli della tua ultima uscita, 'Mojave'?

Mojave è la mia seconda raccolta di canzoni dark americane/gotiche occidentali (la prima si chiama “Stories and Songs”). C'è un sottile tema della vita nei deserti della California meridionale: edifici in rovina, auto abbandonate, città fatiscenti, vagabondi, persone che vivono "fuori dalla rete".  Persone che odiano i semafori. C'è una bellezza là fuori e anche un senso di pericolo.  Nessuno vuole essere bloccato nella Death Valley. Il deserto è una metafora dell'America in questo momento: proprio mentre guardi in alto e ammiri il cielo del deserto, un serpente ti morde. C'è una magia oscura là fuori che vuole renderti parte della catena alimentare.  "Mojave" parla dei personaggi che finiscono lì. Non è un album "concettuale", è più una reazione a ciò che troviamo guidando fuori Los Angeles. Per quanto grande pensi che sia il deserto, è più grande. Ed è affamato.

"Mojave" è stato registrato in quarantena, com'era?

Com'era la quarantena? Comunque sono un po' chiuso, quindi ha funzionato bene per entrambi.  Mi ha permesso di concentrarmi maggiormente su ciò che volevo estrarre da "Mojave".  Ci sono quasi tante outtake quante sono le canzoni finali. "The Interstate" da solo ha quattro versioni molto diverse.  Ho il mio studio e registro tutto da solo, suonando gli strumenti reali o manipolando i loop, quindi il mio flusso di lavoro non era molto diverso dal normale.  E poiché non potevamo viaggiare da nessuna parte in aereo, Hunter e io abbiamo trascorso più tempo nel deserto, scattando foto e girando filmati per video musicali. Finora abbiamo pubblicato tre video per "Mojave" e cinque per l'album precedente, "Stories and Songs". E c'è dell'altro.

L'album contiene una serie di ballate di omicidi, cosa ti attira a scriverle?

Ne stavamo parlando proprio stamattina!  Non ne sono davvero sicuro, poiché la maggior parte delle canzoni che ascolti alla radio o ai servizi di streaming parlano di amore o sesso o ballo, immagino di voler solo trovare una bella poltrona reclinabile da qualche parte che non avesse tutto quel sudore del corpo umano su di essa .  Quella poltrona si è rivelata essere ballate di omicidi.  Ciò che lo rende strano è che sono cresciuto ascoltando musica country nella fattoria di mio nonno nel Wisconsin durante le estati e hard rock e punk dove vivevo a Long Island, New York. Metti insieme quei due e si rapprendono in ballate assassine.  Ho detto a Hunter numerose volte che se mai dovesse avere il blocco dello scrittore, inizia a scrivere una canzone sul cannibalismo: le idee volano via come fuochi d'artificio. Quindi condire a piacere.

Quale messaggio pensi che la tua musica trasmetta ai tuoi fan?

Odio davvero il termine "fan".  Suona così alto e distante, come qualcosa "sotto" la posizione sociale di qualcuno. Se a qualcuno piace la musica, è un complimento umiliante! Preferisco pensarli come amici dal gusto eccellente!  È come l'idea che non tutti siano musicisti, il che penso sia una sciocchezza.  Se sai apprezzare la musica, amare la musica, se ti commuove, allora SEI un musicista.  Ti capita di essere un musicista che ASCOLTA. So che il mio materiale non si adatta al microonde di tutti, quindi se a qualcuno piace davvero quello che faccio, probabilmente sono degli strambi piuttosto interessanti! Perché non avere più amici?
 

Per quanto riguarda ciò che la mia musica trasmette alle persone, spero che trasmetta cose drammaticamente diverse a ogni persona che la ascolta!  Voglio che il 94% delle persone che lo ascoltano lo amino.  Voglio che il 6% odi quello che faccio – lo DESIDERA assolutamente.  Insultami.  Farmi piangere. È l'unico modo in cui imparerò a essere una persona migliore.

Quali sono le tue influenze musicali?

Le mie influenze costituiscono una lista piuttosto lunga.  Si va da Cab Calloway, the Kinks, Tom Waits, Leonard Cohen, David Bowie, Prince, Robyn Hitchcock, Angelo Badalamenti, Randy Newman, Johnny Cash, Brian Wilson, radio AM negli anni '60, New Wave dei primi anni '80, Nick Cave , le labbra fiammeggianti.  Probabilmente non senti la maggior parte di quegli artisti nel materiale di Dark Americana, ma sono tutti lì, sepolti nella tela, probabilmente con le gag in bocca.

Chi sono le tue influenze non musicali?

Sono un fanatico dell'arte surrealista e degli artisti che hanno vissuto in Europa ea Parigi tra l'inizio e la metà del XX secolo.  Sono i miei "Star Wars" o "Il Signore degli Anelli" - il mio cervello è pieno di curiosità. Che periodo nella storia e nell'arte! Le storie di eludere i nazisti, l'arte fatta in segno di protesta, tutto questo è una tale fiamma per la mia falena della mente.  Max Ernst è un artista eccellente con cui iniziare per chiunque possa essere curioso. Sembra esserci una rinascita del Surrealismo, principalmente nell'arte digitale.  Il Messico è sempre stato un terreno fertile anche per il Surrealismo.  Hunter ed io abbiamo festeggiato il nostro primo anniversario di matrimonio a Parigi e abbiamo alloggiato in un piccolo hotel a Montparnasse che si trovava all'incrocio tra Le Dome, Le Select, La Rotonde, tre luoghi in cui i principali surrealisti si incontravano ogni sera per cena/bevande e per condividere idee. Era come un parco a tema per me. Sì, sono un secchione.

Quali pensi siano i maggiori ostacoli per le band/artisti oggi?

Ferite autoinflitte - sognare com'era una volta dalle storie che hanno letto sull'industria musicale in passato.  Aspettarsi che qualcuno o qualche azienda faccia tutto il lavoro e investa tutti i soldi per far sì che le cose accadano per loro. Volere essere famosi invece di fare musica di vera qualità. Fare musica lo fanno tutti gli altri perché lo fanno tutti gli altri. Nessuno vuole indossare i pantaloncini da fantino di qualcun altro. Crea i tuoi pantaloncini da fantino.


Che consiglio daresti ad altri gruppi/artisti che iniziano?

Inizia giovane. Se sei solo, diventa davvero molto bravo con lo strumento che hai scelto.  Quindi trova un artista/band di successo che ha bisogno di ciò che offri.  Impara l'attività da un centesimo di qualcun altro, facendoti pagare come musicista o cantante di supporto.  Crea connessioni. Sii eccellente. Non creare problemi a nessuno.  Sii una risorsa. La gente presterà attenzione a tutto questo, perché così tanti musicisti sono così incasinati e difficili da affrontare. Le opportunità di brillare arriveranno attraverso tutto questo.  Impara a scrivere grandi canzoni. Impara a leggere i contratti.  Evita il dramma.

Se sei una band e hai qualcuno nella band che è un "anello debole" emotivo o è incline a situazioni che sgonfiano la tua fiducia nella band, lanciagli una borsa sopra la testa, legalo e lascialo dentro il deserto.  Un altro musicista o ti esalta o ti sminuisce: chiunque ti dica qualcos'altro rientra nella categoria "borsa sopra la testa".  Detto questo, fatti più amici musicali che puoi e non prestare mai soldi a un musicista.

Quali sono le tue speranze per i prossimi due anni?

Spero che finalmente sconfiggiamo il virus.  Immagina nel 2019, di sentire qualcuno del futuro dire "Spero che il mondo possa finalmente sconfiggere il virus..." Diresti (e cito) "BUON LORDEE !!!!  CHE CAZZO E' SUCCESSO AL MONDO?!?!? CI SONO BUNKER IN CUI POSSO NASCONDERCI?!?!?”

Per quanto riguarda le mie ambizioni musicali, spero di fare presto una breve visita in alcune parti d'Europa, magari nei prossimi 6-12 mesi.  Sto attivamente promuovendo "Mojave" in diversi paesi ora, vedendo dove ci sono sacche di persone che potrebbero essere disposte a passare un'ora o due ascoltandomi celebrare il mio ego. Poiché la mia voce è un registro basso, provo principalmente la mattina presto, prima che le persone si sveglino.  Il mio studio era in un appartamento, circondato da persone prevalentemente tolleranti.  Quando ho fatto la voce urlante per "I Gave Her Coal", erano le 5:30 del mattino. Ho incontrato nuove persone quella mattina.  Non sarebbero considerati "fan".

RECENSIONE MOJAVE

Stuart Pearson – 'Mojave'

L'artista di Los Angeles Stuart Pearson ha pubblicato il superbo album "Mojave" nell'ottobre 2021. È il secondo di una serie di uscite di Dark Americana di Pearson e non vediamo l'ora di saperne di più!

"Like A House With Broken Windows" apre l'uscita alla voce piena di carattere di Pearson. È un narratore che fa alzare l'ascoltatore e prestare attenzione. Adoriamo lo splendido arrangiamento di archi che è avvincente ed esilarante in egual misura.

"As They Are Digging Your Grave (o stanno scavando la mia?)" è una canzone avvincente ed elettrizzante con un gancio memorabile. La performance vocale ci ricorda Johnny Cash. Semplicemente superbo!

Inoltre, "One Cut" è una traccia di spicco. Presenta la voce soul di Hunter Lowry, che porta l'album in una nuova direzione, tenendo l'ascoltatore sulle spine. "Dance Skeletons Dance" chiude l'uscita con un finale ottimista, lasciando l'ascoltatore che desidera di più!

Commenti

Pearson dice delle canzoni dell'album: "Queste sono raccolte di panorami dai toni seppia e dalle orecchie da cane delle lotte dell'America con il peccato e la redenzione".

Continua: "Mojave è pieno di ballate di omicidi, canzoni di decisioni sbagliate, persone cattive e conseguenze negative". Si potrebbe dire che l'album è principalmente pessimo per questo motivo, ma semplicemente non è vero! Invece, "Mojave" è pieno di canzoni eccitanti e intriganti che ti faranno raggiungere il pulsante di ripetizione.

Carisma

Una cosa è certa, Stuart Pearson è un trovatore carismatico che fa musica che rompe gli schemi. È un intricato narratore il cui carisma e fascino traspare.

Quindi assicurati di aggiungere "Mojave" alla tua playlist di ascolto essenziale questo fine settimana. Stuart Pearson è un artista esaltante che è qui per restare.

LEGGI ALTRI ARTICOLI

leggi l'articolo su FVMusicBlog