RECENSIONE ALBUM: Dark Americana: Storie e canzoni di Stuart Pearson


di  La recensione di Faulkner


Stuart Pearson è un cantante e cantautore originario di Long Island, NY, che ha iniziato a scrivere canzoni sin dalla tenera età. Da bambino trascorreva le sue estati nella fattoria del nonno nel Wisconsin, dove veniva nutrito con una dieta a base di musica country del Midwest degli anni '60; Johnny Cash, Bobby Gentry e Charlie Rich. Questo stile terroso di scrittura delle canzoni è penetrato nelle sue ossa, che è stato combinato con influenze come la popolare musica da surf dell'epoca (The Beach Boys, ecc.) A causa dell'influenza del fratello maggiore surfista.

Questo alla fine ha portato Stuart a essere coinvolto con un certo numero di band, in particolare Through The Woods che sono state votate Band of the Year dalla National Academy of Songwriters. Una band di cinque elementi che si esibiva con ben diciannove strumenti sul palco (tra cui tuba, ghironda, banjo e tutti i tipi di percussioni esotiche), hanno scavato in profondità nel passato per trovare ispirazione e affinato il suono che ora sarebbe chiamato "Dark americana”.
 

Dopo varie altre reincarnazioni musicali, alla fine ha chiuso il cerchio e ha iniziato a lavorare con il paroliere Hunter Lowry. Le undici tracce che compaiono su Dark Americana: Stories and Songs attingono dal pozzo di cantautori country classici come Johnny Cash, l'autentico stile musicale rootsy di The Band (che alcuni dicono abbia inventato il genere Americana) così come il profondo "peccato e redenzione ” stile di artisti come Nick Cave e Leonard Cohen. Aggiungi lo stile vocale crudo, gutturale e grintoso di Tom Waits (e il suo uso di percussioni insolite intorno a Rain Dogs e Swordfishtrombones) e ottieni una buona immagine del suono di Stuart Pearson.

Rise and Fall, che apre l'album, è una perfetta sintesi del suo stile sfumato e poetico. Ha anche fatto riferimento a Edward Hopper e Andrew Wyeth, artisti del movimento realista del 20° secolo. Questi artisti hanno rappresentato scene che hanno catturato la malinconia e l'isolamento nel cuore della vita moderna e questa canzone cattura sicuramente quello spirito. Impostato su un ritmo cadenzato pieno di malinconia in tonalità minore e una melodia vocale inquietante eseguita con brio da Pearson, descrive la tormentata situazione delle persone in termini nettamente poetici: "Le persone pregano nella chiesa del dolore, alzano le mani e rimproverano i peccati che hanno" ho fatto…”.  Oltre a catturare la voce avvincente e lo stile vocale di Pearson, a metà strada tra Tom Waits e Leonard Cohen, questa canzone cattura anche l'essenza di Dark Americana; queste sono storie di anime tormentate alle prese con il lato oscuro della vita.

Sull'inquietante ma elettrizzante I Spoke To The Devil About You, Pearson ci regala quella che sembra una ballata omicida in stile Nick Cave ritratta in prima persona: "Ho cercato di protestare, ho cercato di scappare, ho cercato di buttare via la pistola ma voleva solo divertirsi....”. Consegnato con solenne grandezza nella parte più bassa della sua gamma, i sontuosi cambi di semitono e l'ossessionante chitarra slide creano tutti una canzone superba che cattura la storia di qualcuno che deve affrontare la più oscura delle tentazioni e il fallimento.

Then She's Gone è come un incrocio tra una ballata per pianoforte di Tom Waits a tarda notte e una fiaba da "femme fatale" di Leonard Cohen. In uno sfondo di pianoforte blues ma deliziosamente dissonante, contrabbasso e pennellate silenziose sul rullante, Pearson dipinge un quadro di attrazione irresistibile che si trasforma in ossessione: "Se sei perso, lei l'ha trovata, ti trascinerà giù, non può resisti alla sua seduzione, quel debole odore di peccato lascia entrare le tenebre, quella deliziosa distruzione...”. Il minaccioso assolo di sax completa il ritratto al punto che puoi immaginarti in un bar con un bicchiere di bourbon e una sigaretta accesa in ciascuna mano.

La quarta canzone Is It Still The Same combina il suo classico suono americano con un ritratto toccante e sensibile di un uomo più anziano alle prese con l'inizio della demenza. Con violini, glockenspiel e chitarra inquietante, i versi di apertura descrivono una mentalità straziante e disorientata: "Aiutami a mettere la vestaglia, aiutami a rimettermi in piedi, portami in cucina, potrebbe esserci qualcosa da mangiare, non sono stato fuori per quasi sei o sette settimane… dimmi, è sempre lo stesso?”. Per chiunque abbia sentito il proprio lavoro sconvolto dal lockdown, questa canzone risuonerà.

The Perfect Storm è un bel cambio di ritmo, un brano country allegro pieno di mandolino, violini e banjo. Dal punto di vista dei testi, descrive il sogno della scomparsa di qualcuno con una voce meravigliosamente in stile Waits di Pearson. Inizia in uno stile opportunamente apocalittico: “Ti ho sognato mentre il cielo prendeva fuoco, abbiamo sbarrato tutte le porte e le finestre…”. Il secondo verso ci dà versi di vero potere macabro: “Gli spaventapasseri testimoniavano tutti un futuro nato nella pietra, la terra ruttava più fredda a ogni morso di pala….”.

The Last Cab Out Of Vegas è una canzone originariamente scritta per un musical di improvvisazione scritto da Pearson in passato chiamato Life=Choices. È una ballata travagliata in 3/4 piena di chitarra tremolo di fascia bassa lunatica e pianoforte con semiminime in stile Spector. Come paesaggio sonoro, non suonerebbe fuori luogo in Back To Black di Amy Winehouse ispirato alla Motown, un altro album che nuotava nell'oscurità umana. La canzone descrive uno stato d'animo turbato, anzi esausto: "Il caldo rende tutto ondulato che solleva la polvere dalla strada... e mentre il cielo passa dall'arancione al marrone al nero, sembra molto lontano da casa...".

I Gave Her Coal è un'altra mossa attraverso gli ingranaggi, questa è una canzone country gotica con sfumature di Johnny Cash alternata a sezioni elettrizzanti di chitarra fuzz che hanno portato alla mente band come The White Stripes e The Black Keys. La canzone è cantata in prima persona, Pearson raffigurante un personaggio di basso profilo con gusto divertente: "Voleva rubini, ha preso il suo pedaggio, voleva diamanti, le ho dato carbone...". Il modo in cui quelle battute sono cantate ha portato alla mente la grande voce blues di Captain Beefheart, che ha avuto un'influenza fondamentale su Tom Waits, e Pearson ha una gravità simile alla sua voce.

Demon Road arriva come una leggera sorpresa, con lui che canta in un registro più alto, ma aggiunge ancora una volta alla varietà sonora dell'album. È forse la canzone country folk più tradizionale dell'album, anche se non senza le ormai consuete sfumature di oscurità ("dove il marciapiede finisce inizia quella strada dei demoni...". Con il suo mandolino pizzicato e il ricco tremolo di chitarra, è una canzone che mostra la maggior parte di Pearson lato melodico.

Pass The Bottle è il momento più spensierato dell'album consegnato in un registro grave più familiare. È essenzialmente una gloriosa canzone da bere piena di banjo, dulcimer e mandolino, raffigurante un uomo incarcerato in attesa del suo destino dal giudice. Una canzone estremamente divertente, tra le tante.

La penultima canzone The Rain's Not Traveling Alone risale ai tempi di Stuart in Through The Woods e puoi capire perché l'ha rivisitata. Una ballata meravigliosamente realizzata con una melodia commovente, contiene banjo, flauti e nyckelharpa (un nuovo strumento per me!). Il risultato è un glorioso pezzo di malinconico folk con una strumentazione squisita.

Dark Americana si chiude con Down In The Hole, una canzone straordinaria caratterizzata da un contagioso groove stomp n clap che evoca lo spirito del vecchio West. Le prime quattro righe ci fanno sapere che dopo tutti i peccati ci troviamo di fronte alla giustizia, senza la quale non può esserci vera redenzione: "Entra il boia, la legge è giusta, le mie ossa sono ghiaia, la mia anima è polvere..." . È un finale potente e perfettamente calzante per l'album ed evoca il titolo forse più di qualsiasi altra traccia.

Nel complesso, questo è un magnifico album americano di Stuart Pearson. Scavando senza paura i recessi più oscuri dell'anima ed esplorando tutte le oscure tentazioni della condizione umana, Stuart Pearson combina una scrittura di canzoni di prim'ordine con un suono ricco di radici e autentico che prende ispirazione dal puro country del passato, lo fonde con folk, blues e rock poi lo infonde con lo spirito oscuro e lo spirito di Waits, Cohen e Cave. Con Dark Americana: Stories and Songs, Stuart Pearson ha realizzato un album che può affiancare con orgoglio quello dei suoi eroi musicali.

VERDETTO = 9,3 su 10

READ MORE ARTICLES AND INTERVIEWS

continua a leggere La recensione di Faulkner