TESTI

Dark Americana 2: Mojave

COME UNA CASA CON LE FINESTRE ROTTE

Stuart Pearson

Come una casa con le finestre rotte,

Le voci si diffondono e si diffondono.

Parole dipinte sul muro a secco sbriciolato,

Elenca tutti gli uomini cattivi che sono stato.

E le erbacce spingono attraverso le fondamenta incrinate,

come la terra reclama i miei errori,

E il vento piange attraverso le finestre rotte.

ahh oooh...

 

Come una casa con le finestre rotte,

con schegge di vetro sotto i piedi.

Raggi di luce che attraversano il soffitto,

Che cadde in cenere e fuliggine.

Riesco a sentire i semilavorati a lungo raggio sull'autostrada,

Le loro corna ululano basse e sole.

Mentre il vento piange attraverso le finestre rotte

Ahhh oooh.

GI PER IL RAVINE

Stuart Pearson / Hunter Lowry

 

Quando la notte nera come il catrame tira fuori la luna piena
E la nebbia rotola negli alberi
Balleremo dove le ombre si scontrano
ti porto laggiù
Giù per il burrone.

Dì a tua mamma che starai fuori tutta la notte
Dì a tuo papà di non intervenire
Dì a tua sorella che è meglio che sia pronta a cavalcare
Non ci sono taxi lungo il burrone.

E il vento ululerà
E la terra ringhierà
E i lupi ululeranno
Puoi sentirlo?

Ci sono storie di orge di oscurità e luce
Dei santi e degli osceni.
Dove le anime vengono vendute per la gioia del diavolo.
Viene a raccogliere giù per il burrone.

Dì a tua mamma che devi andare a vagare
Dì a tuo padre che vuoi essere libero
Giocherò con l'empietà laggiù
E assapora la mezzanotte giù per il burrone.

TRASCINANDO IL LAGO (nel Giorno dei Morti)

Stuart Pearson / Hunter Lowry

Stanno trascinando il lago nel Giorno dei Morti

Hanno tirato fuori il corpo ma non riescono a trovare la testa

Battere i tamburi e far rotolare le ossa

Ho camminato per queste strade da quando mi sono svegliato da solo

Il mio amore giace nel profondo dell'oscuro sconforto

Lacrime di dolore, lacrime di perdita lacrime d'amore

E guardo con dolce affetto

Non riesco a trovare il me di cui sta parlando

 

Le cime delle ciliegie ardono nel buio che si addensa

I bambini piccoli restano a bocca aperta attraverso il recinto del parco

Guardando da qui come se fossi parte della folla

La festa è per me ma non posso stare al gioco

La folle parata, così rumorosa e sgargiante

Urla di vita, urla di vita, urla di vita

Ma sono perso qui senza il mio corpo

Affrontare la notte, solo la notte, sempre la notte

 

Stanno trascinando il lago nel giorno dei morti

La riva fangosa mi chiama per tornare a letto

Battere i tamburi e far rotolare le ossa

Ora non so come ignorare le incognite

La folle parata ha svoltato l'angolo

Il mio amore si veste di nero e prega in ginocchio

Scivolo via prima di avvertirla

Le cose qui non sono come pensavamo che sarebbero andate

 

Trascinando il lago... trascinando il lago


 

STANNO SCAVANDO LA TUA TOMBA (o stanno scavando la mia?)

Stuart Pearson

Il cielo è il più blu, che non ho mai visto.
Le colline si vestono della più profonda ombra di verde.
Gli uccelli cantano canzoni antiche come il tempo,
Stanno scavando la tua tomba,
O stanno scavando il mio?

L'odore dell'erba cavalca una brezza pigra
Che scuote le foglie su un albero ombroso.
Una dolce onda lambisce il litorale strombato,
Stanno scavando la tua tomba?
O stanno scavando il mio?

Stanno scavando il mio?
non voglio morire,
Stanno scavando il mio?

Da un bambino che ride con noncuranza,
Al mostro più oscuro appeso a un albero
Prenderemo il nostro sonno nel Grande Divino,
Stanno scavando la tua tomba?
O stanno scavando il mio?

NON MI VEDI (Jimmy Crack Corn)

Stuart Pearson / Dominio pubblico

Non mi vedi, ma ti amo lo stesso.

Non mi vedi, ma ti amo lo stesso.

Non mi vedi, ma ti amo lo stesso.

Non mi vedi, ma ti amo lo stesso.

 

cavalcherei nel pomeriggio

Lo seguiresti, con una scopa hickory

Passeresti la bottiglia quando mi sono asciugato

E spazza via la mosca dalla coda blu  

 

Tu non mi vedi, ma io ti vedo lo stesso

Tu non mi vedi, ma io ti vedo lo stesso

Tu non mi vedi, ma io ti vedo lo stesso

Tu non mi vedi, ma io ti vedo lo stesso

 

Andrei in giro nella fattoria del nonno

Le mosche così numerose, hanno fatto sciamare

Sono stato morso sulla mia coscia dolente

Il diavolo prende la mosca dalla coda blu, cantando

 

Non mi vedi, ma sono con te lo stesso

Non mi vedi, ma sono con te lo stesso

Non mi vedi, ma sono con te lo stesso

Non mi vedi, ma sono con te lo stesso  

 

Mi hai messo sotto un albero di cachi

Il mio epitaffio è lì da vedere

"Sotto questa pietra, sono costretto a mentire

Una vittima della mosca coda blu"

 

Non mi vedi, ma sono in te lo stesso

Non mi vedi, ma sono in te lo stesso

Non mi vedi, ma sono in te lo stesso

Non mi vedi, ma sono in te lo stesso

L'INTERSTATALE

Stuart Pearson / Hunter Lowry

So che quel treno in direzione sud sta piangendo

Deve essere a 20 miglia di distanza.

Prenderei qualche altra strada ma è inutile provarci

Non posso guidare sull'Interstate.

Queste rotaie sono assassini sui miei assi.

Li sento graffiare e strillare.

Non so per quanto tempo potranno continuare a macinare

Ma non posso guidare sull'Interstate.

 

So che il treno in direzione sud sta arrivando

Deve essere a 15 miglia di distanza.

Non ha molte fermate per darmi il tempo di pensare

Ma non posso guidare sull'Interstate.

Sento le sirene in lontananza

Stanno aggiungendo altro lungo la strada.

Non mi hanno ancora trovato Quindi continuano a guidare

Su e giù per l'autostrada.

 

Ricordi come uscivamo a ballare?

Sono passati 20 anni se è un giorno.

Avremmo abbassato la capote e fatto esplodere la radio

E percorreremo l'Interstate.

Perché hai dovuto continuare a spingere?

Perché hai dovuto mettere alla prova la mia rabbia?

Sapevi che il mio grilletto è esaurito e qualsiasi cosa potrebbe farla scattare

Ora non posso guidare sull'Interstate.

 

Le mie lacrime sanno che non sei qui accanto a me

L'amore che mi hai dato l'ho soffocato.

Non so perché Ma le sirene stanno svanendo

Non ci sono suoni dall'Interstate.

Ho sentito che sta arrivando il treno in direzione sud.

È forse a mezzo miglio di distanza.

Ho finito gli incroci e i binari portano a un ponte

E non riesco ad arrivare all'Interstate.

UN TAGLIO

Hunter Lowry / Stuart Pearson

Non posso lasciarti amore mio tesoro

Sei parte del mio cuore e della mia anima

Siamo mescolati, intrecciati, sia il corpo che la mente

Quando sei con me le nostre due metà sono intere

Tiro la coltre dell'oscurità intorno a me

Nasconditi dove il sole non può vedere

Pensieri di guai e conflitti mentre impugno il coltello

Ma so che un taglio mi rende libero

Y es so che un taglio mi libera.

 

Non posso lasciarti mio caro, mio amante

Ti devo la mia tenue vita

Sei stato il mio supporto, il mio molo e il mio porto

Da quando il ministro mi ha fatto tua moglie

Siamo tutti navi così delicate

Basta aiutare insieme alla pelle

Ma sotto quella fragile confezione regalo

Tutti i mali dell'umanità dentro

Tutto il male dell'umanità dentro   

 

Non posso lasciarti angelo mio tesoro

Vivo solo per salvarti dal dolore

Ho preso l'onere di salvare la tua anima

Quando ho preso il tuo anello e il tuo nome

Ma l'oscurità mi abbraccia dolcemente

Sono sicuro che lo sai e sei d'accordo

Entrambi dobbiamo rinunciare al dolore e al peccato

E so che un taglio ti rende libero

Sì, lo so che un taglio ci rende liberi

NON LO SAI MAI REALMENTE

Stuart Pearson

Non si sa mai davvero
Quando l'altra scarpa sta cadendo
Quando calerà il sipario
Quando il finanziere bussa
Per tutti gli alcolici da bagno fatti in casa


Non importa se giuri di controllare i tuoi venti di fortuna
E padroneggia tutte le forze sopra e sotto di te
Ti vanti, corvo,
Ma non si sa mai davvero

Non si sa mai davvero
Se c'è follia nel metodo
E quella follia era in ritardo?
Quando stai leggendo tra le righe
Se le righe ti stanno davvero leggendo


E sarai consapevole della tua sayonara di mezzanotte?
E prendi l'ascensore per la tua ultima casa?
Tu raccogli, semini
Ma non si sa mai veramente.

Ti sussurra all'orecchio
Qualcosa di fatalmente magnetico
Qualche Giulietta frastagliata al tuo Romeo stracciato
Così dolce, così basso
Non lo saprai mai davvero

Non si sa mai davvero
Quando l'oro non luccica
Quando la ruota non gira
Quando lo zolfo colpisce il ventilatore
I tuoi ponti non sono l'unica cosa che brucerai


E oh ti strapperai le vesti
E confessa che sei un peccatore
E affidati alla misericordia che non potresti mai mostrare

Non lo saprai mai davvero.

DOMANI TI DARA' LA CACCIA

Stuart Pearson

Dì quello che vuoi ma le tue parole falliranno

Domani ti darà la caccia.

Prova quello che potresti ma non prevarrai

Domani ti darà la caccia.

Trascina quella gamba mentre le ombre crescono

I lupi ululano sulla collina

Ancora

'Fino ad oggi sei stato sano e salvo

Domani ti darà la caccia.  

 

Costruisci le tue mura e le tue barricate

Domani ti farà piangere.

Lo schema sfugge ma il tuo letto è fatto,

Domani ti farà piangere.

Perora la tua causa davanti alla corte più oscura

Pregate che la punizione dell'inferno sia breve

Ladro!

Il male mangia e basta e ti servirà fritto.

Domani ti farà piangere.  

 

Presto sarai una macchia dimenticata

Sopravvissuto a tutto ciò che odi

Destino

Pesa le tue catene e ti toglie la corona Domani ti darà la caccia.

DANZA SCHELETRI DANZA

Stuart Pearson

Ho cavalcato i binari dei treni fantasma

di speranze ossessionate e ritornelli vergognosi.

Invece di chiudere tutto rinnego

Li libererò, ballerò scheletri ballano.

Andiamo e ballate, scheletri, ballate.

Andiamo e ballate, scheletri, ballate.

 

Ho abbassato la testa lamentandomi dei miei crimini

e mi pentirei per il mio primo ferale passato.

Il mio triste mondo pieno di circostanze distorte

È ora di ballare, ballate scheletri.

Andiamo e ballate, scheletri, ballate.

Andiamo e ballate, scheletri, ballate.

 

I miei angeli migliori hanno ceduto le ali

Ora non mi interessa niente

Invece di struggersi per un caso zoppo

Ballerò al ballo dei miei scheletri

Andiamo e ballate, scheletri, ballate.

Andiamo e ballate, scheletri, ballate.

Tutti gli spettacoli di Stuart Pearson

"One Cut" cantata da Hunter Lowry

Tutte le canzoni

(c) 2021 Margie e l'editoria artistica ASCAP