top of page

AMERICAN GOTHIC

AG front cover nierika by hilaria 1400 600.png
AG back cover album.png

American Gothic” è il terzo di una serie di album Dark Americana. Tutti e tre gli album parlano di persone cattive in situazioni cattive, che prendono decisioni sbagliate (dopotutto si tratta di Dark Americana!).

Il primo album, "Stories and Songs", abita un mondo nebuloso di allucinazioni da guerra civile e di una psichedelia dolorosa.  La maggior parte dell'album è stata scritta e completata in tre settimane.  I personaggi spaziano da quelli che lottano a quelli che uccidono. Bei tempi!

Il secondo album, "Mojave", utilizza gli edifici in decomposizione e le città abbandonate dei deserti dell'America occidentale come metafora della nostra attuale condizione umana. L'album mantiene una trama inquietante attraverso gli occhi di persone che hanno gettato via le loro opzioni di vita.

“American Gothic” si basa sui primi due album con un suono più moderno, leggermente metropolitano e aggressivo. Anche se ci sono ancora radici folk e organiche "americane", le canzoni sono più arrabbiate; le inquietanti minacce di "Mojave" diventano attive e più oscure in "American Gothic". C'è un'atmosfera spaventosa nell'America del 2023; il fascismo si è trasformato da una brutta anomalia sussurrata nel "seminterrato di quel tizio" a qualcosa con cui si gioca con orgoglio; gli idioti che hanno trovato il loro tornaconto fomentando l'odio ora gestiscono il manicomio.
 

Volevo trovare un modo per esprimere queste idee in un album completo senza diventare un piagnucoloso cantante che punta il dito. Nel corso di 18 mesi, l'album ha preso molte pieghe e cambiamenti. Ci sono 19 canzoni in vari gradi di completamento che non sono state inserite nell'album finale. Alcune sono state tolte negli ultimi giorni di lavorazione. Alcune di queste hanno le loro outtakes multiple. Alcune di esse saranno disponibili nel corso del tempo nella newsletter e sul sito web. Alcune sono già disponibili su Internet. Datevi da fare: è tempo di detective!

Con il tempo, e analizzando gli outtakes per arrivare al nocciolo della questione, sono emersi due temi principali che volevano rappresentare l'America: i carnevali e la versione cristiana della morte/dell'aldilà. Non so come sia successo. "Carnivals" o "Carnie Life" erano i possibili titoli dell'album all'inizio del processo, quando è comparsa "Where Are You" (la prima canzone scritta e registrata per l'album). Ma l'aldilà? Man mano che l'ordine dell'album veniva stabilito, "Carnivals" occupava la prima metà e "The Afterlife" la seconda. Una volta ascoltato l'album, è abbastanza ovvio dove sia la pausa.

“We Are The Falling Rain” è un esempio del perché dovreste registrare OGNI idea melodica/lirica che vi viene mentre guidate. Il ritornello è apparso nel 2016 mentre lavoravo all'album "Get Off My Lawn".  È rimasto in un archivio che ho messo insieme cinque anni fa, finché non mi ci sono imbattuto alla fine dell'anno scorso.  Quel giorno ero particolarmente arrabbiato e il testo mi è caduto addosso nel giro di 20 minuti. Di solito sto alla larga dai punti di vista politici nelle mie canzoni.  Ho già detto quanto ero arrabbiato?  La canzone contiene l'unico musicista che non sono io e che ho arruolato dai tempi dei Through the Woods, alla fine degli anni '90: Dan Hamilton. Brillante violinista di Nashville. Cercatelo. La canzone è caratterizzata da fiddle, chitarre in stile T.Rex, pedal steel, basso, batteria, tonnellate di stomp/clap, una folla scontrosa di voci e chitarre chime. La sezione finale è caratterizzata da banjo, timpani, capre urlanti e maiali strillanti. Spero che vi intimidisca (solo un po').

“Ticking Away” è nata come canzone d'apertura di "Mojave", poi come seconda canzone di "Mojave" (dopo un'altra ormai fuori produzione chiamata "We Carry On") e poi è stata abbandonata del tutto.  Era troppo grande per l'atmosfera claustrofobica che volevo per "Mojave". La sezione centrale non era ancora arrivata. È stata una buona decisione. A volte le canzoni arrivano prima del resto del gruppo e devono aspettare che tutti si presentino prima di essere accompagnate al loro tavolo. Il testo è stato leggermente modificato e la caotica sezione centrale è apparsa dopo l'ultima sparatoria di massa avvenuta quel giorno. Sul serio: l'America ha perso la testa. Il brano è composto da mandolino, chitarra portoghese, chitarra tremolo, basso e un duetto di sirena e tromba nella sezione centrale.

SIbICkWc2Vph8ae6frvZ--2--xuzkg.jpg

“Where Are You” è stata la prima canzone scritta per il nuovo album, all'epoca intitolato "Carnivals" o "Carnie Life".  Potete leggere la progressione dell'album nel tempo nel link intitolato "The New Project". Hunter voleva descrivere la mente di chi è braccato. Credo che ci sia riuscita. Questo brano è caratterizzato da timpani, basso, chitarra, pianoforte elettrico e una giostra calliope molto distorta.

“Lochinvar”   "Lochinvar" è una di quelle canzoni che si intitolano "vita come capita". Musicalmente era la terza canzone scritta per questo album, ma non avevo idea di quale sarebbe stato il testo. L'ho data alla Hunter e le ho detto che il titolo provvisorio era "When Johnny Comes Marching Home", citando un vecchio testo della Guerra Civile. È rimasto fermo per mesi. E questa è Hunter che raccoglie la storia....  

Sì, non riuscivo a capire cosa fare con quel titolo.  Niente sembrava funzionare.  Ma poi la storia ha preso una brutta piega a sinistra dopo che ho iniziato a scrivere via e-mail a una cugina perduta da tempo.  Ha iniziato a raccontarmi la profonda storia della famiglia, compreso il fatto che la nostra famiglia era proprietaria di una piantagione nel Mississippi in epoca antica.  Gran parte di quella storia è stata spazzata via, per ovvie ragioni, ma mi ha incuriosito una storia di fantasmi legata alla piantagione Lochinvar, che in qualche modo è entrata a far parte di quella canzone.

 

La storia del fantasma è la seguente: Il figlio della casa aveva un servitore personale che si chiamava "Ebenezer" e con il quale condivideva uno stretto rapporto familiare.  Col tempo, "zio Eb" divenne il suo protettore e confidente.  Quando il figlio fu chiamato a combattere nella guerra civile, lasciò allo zio Eb il compito di custodire Lochinvar e la famiglia, giurando di proteggerli fino al suo ritorno. Ebenezer percorreva la casa e i terreni ogni notte con la sua lanterna, assicurandosi che tutto fosse al sicuro.
 

Lo zio Eb morì di polmonite prima che il padrone di casa tornasse dalla guerra, ma si dice che continui a svolgere il suo compito, dato che la sua lanterna può essere vista oscillare per tutta la casa, a riprova del fatto che Ebenezer si prende eternamente cura dei suoi cari e adempie al suo voto.  

È una storia che ho trovato commovente e inquietante in egual misura.  Lascio a voi il compito di discernere le ironie e le contrastanti emozioni umane in essa contenute. Il brano è caratterizzato da percussioni secche, basso, chitarra tremolo e voci sussurrate da parte mia e di Stuart.

“Cropsey”. Wow. Questa canzone ci ha messo un'eternità a comparire. Ci sono stati quattro diversi tentativi di Cropsey nel corso dei 18 mesi necessari per completare "American Gothic". Non riuscivo a ottenere quello che mi serviva. Cropsey è una leggenda metropolitana di New York degli anni '70; un pazzo omicida che è fuggito da un manicomio e ha dato la caccia ai bambini per trascinarli sottoterra e ucciderli. C'era della realtà in questa storia; vi lascio cercare i dettagli.  Per la nostra canzone, non ho potuto vedere il testo o l'arrangiamento per oltre un anno. A poco a poco, la storia si è manifestata come un uomo pazzo sotto un ponte che mi urlava contro, dicendomi cose su di me che non volevo sentire, con i suoi amici vagabondi che lo circondavano con grida, un tamburo, un paio di armoniche e un'arpa. Le sue accuse ad alta voce colpiscono nel segno?  La realtà sfidata a volte rivela verità che non vogliamo guardare. Il testo, quando finalmente è arrivato, è stato scritto in 15 minuti. Questa canzone è il fulcro di "American Gothic" e di ciò che vuole dire. Spero che non vi sentiate a vostro agio con questo brano - è inteso come un'esperienza che tutti noi facciamo quando passiamo sotto il ponte sbagliato.

“The Abandoned Carousel” è una composizione di Hunter - ho aggiunto solo gli accordi e l'ho arrangiata. Per il resto, è tutto suo. Mi ci è voluto un po' per accettare questa canzone su "American Gothic".  Pensavo che il testo fosse un po' meno pesante di altri testi che mi ha consegnato.  Poi ho capito il suo significato più grande. Pensate a ciò che i genitori dicono ai bambini quando accadono cose orribili. Poi pensate ai modi fantastici in cui quei bambini lo cambieranno per discuterne con i loro amici. Vi lascio qui a riflettere.  Questo brano presenta la voce di Hunter, un pianoforte elettrico, un basso, una calliope, un pianoforte e una giostra iniziale che suona "Don't Shave Rebecca", una vecchia canzone dei tempi di Through the Woods.

“The Devil Whammy” è una canzone da ballo!  Bei momenti!  Naturalmente, state ballando con il diavolo. Non avete scelta. Ma volete avere una scelta? Spero che diventi una canzone perenne di Halloween, quindi vi prego di suonarla sempre! Questa canzone è il seguito di una canzone dei miei vecchi tempi di Through the Woods, intitolata "The Red Motel". In quella canzone, il protagonista viene portato all'Inferno, dove "Disco Inferno" suona ininterrottamente. In questa canzone il protagonista racconta cosa lo ha portato in questo luogo e inizia il passo di danza più popolare dell'Inferno.  "Metti le mani in alto, fai girare la testa, scuoti i fianchi avanti e indietro e cerca di non cadere!". Se vi iscrivete alla newsletter, riceverete "Red Motel" gratuitamente. Fatelo! Ballerai e muoverai le dita. Questa canzone è caratterizzata da batteria, basso, pedal steel e una chitarra elettrica iperattiva.

“We’ll Meet Again” è una canzone d'amore... lo è?  Questo è il risultato di un fine settimana che mi ha portato a completare quattro canzoni e registrazioni. Una, intitolata "Now We Kiss", è disponibile nella newsletter. "I'm Taking You Down" (scritta da Hunter) e "When The Truth Comes Out" potrebbero venire alla luce col tempo.  "We'll Meet Again" è quanto di più malvagio possa esistere. Un sacco di chitarra tremelo, basso, un loop di batteria davvero incasinato e uno degli assoli di chitarra più strani che abbia mai registrato. Fatevi venire i brividi. Per favore.

“Runaway Girl” è un'opera che lascia a bocca aperta. Si svolge nel Purgatorio, anche se il cantante non lo sa. Un uomo si avvicina a una misteriosa giovane autostoppista che gli pone strane domande. Perché è così curiosa di sapere cosa lo ha portato lì? Perché lo accusa di... cosa lo accusa di fare, esattamente? Perché sta dando un passaggio a questo stramboide? Perché è tutto così grigio e umido? Ho cercato di creare un'atmosfera di pioggia battente. Molte percussioni da bidone dell'immondizia e chitarra tremolo, insieme alla pedal steel guitar.  Niente basso, fino al BASSO.

“3 Feet From A Vein”. Questa è stata la seconda canzone scritta per il disco. Si basa vagamente su una persona reale conosciuta come Seldom Seen Slim. Era un cercatore d'oro all'inizio e alla metà del 1900 che visse da solo per tutta la vita in una città completamente abbandonata. Una volta al mese andava con la sua jeep a fare rifornimento (a 30 miglia di distanza). Diceva di essere "mezzo coyote e mezzo asino selvatico". Sebbene fosse un vero solitario, divenne così noto che, dopo la sua morte, il governo del Nevada gli intitolò un passo di montagna. Dedicò la sua vita alla ricerca di una vena d'argento, che però non fu mai trovata. Questa canzone parla del momento in cui passa da questo mondo all'altro. È composta da chitarra tremolo, banjo, un coro celestiale composto da Hunter, me e la magia del computer e una combinazione di forme d'onda di numerose voci (compresa la mia), spinte, contorte e allungate nella voce di un angelo. Questa roba richiede tempo. Sopra le righe? È certamente "gotico".

“One Old Coyote” è l'ultima canzone scritta per "American Gothic".  Hunter e io siamo andati a Santa Fe, nel Nuovo Messico, per una settimana, alla ricerca di ispirazione o di indizi su come completare "American Gothic".  E l'abbiamo trovata.  In una galleria d'arte popolare chiamata "Xanadu", ci è stata presentata l'arte del filato della cultura Huichol del Messico.  Loro si chiamano Wixarika (e lo farò anch'io). I Wixarika fanno risalire le loro origini agli Aztechi. Quando gli spagnoli conquistarono il Messico, i Wixarika delle colline erano fuori dalla loro portata. Di conseguenza, conservarono la loro cultura per centinaia, se non migliaia di anni.  Il loro popolo viaggiava tra il Messico, il Nuovo Messico, il Texas e il Colorado.  

L'opera d'arte in filo risuona con il "gotico americano"; la cultura Wixarika è minacciata dalla moderna società occidentale. I suoi figli desiderano vivere uno stile di vita moderno e conveniente. L'alcolismo è un'altra minaccia. Il peyote è un elemento centrale della loro religione e ha creato problemi con il governo messicano. Vedere un antico stile di vita che lentamente soccombe a nuovi ideali ci ha colpito molto. Non riuscivo a smettere di parlare del dipinto durante la settimana che abbiamo trascorso a Santa Fe. È splendido.

AG front cover nierika by hilaria 1400 600.png

Sul retro del dipinto di yarn art è riportato il nome dell'artista: Hilaria Chavez Carrillo. Armati del suo nome, abbiamo dedicato diversi mesi di ricerca per trovarla, riuscendo infine a contattare la figlia attraverso il proprietario di una galleria chiamata "Peyote People" a Puerto Vallarta, in Messico. La sua famiglia vive sulle montagne a nord di Tepic. Hilaria è la vedova di Jose Benitez Sanchez, uno sciamano riconosciuto in tutto il mondo come il maestro dell'arte del filo. Lui le ha insegnato il suo stile e lei lo ha ampliato, creando opere di colori vibranti e movimento. Se le guardate con i moderni occhiali 3-D (non quelli rossi/blu), i vostri occhi balleranno. Provatelo.

"One Old Coyote" parla di diversi aspetti: la dissolvenza di vecchie credenze in qualcosa di più recente, come un genitore che parla al figlio mentre questi gli dice addio. La perdita di identità con un passato e il momento in cui quel passato diventa storia.  Un vecchio coyote in un burrone si sdraia per ricevere il suo sonno. Il brano è composto da chitarra, lap steel, contrabbasso e violoncello.

bottom of page