Intervista: Stuart Pearson pubblica il nuovo album dei Dark Americana, "Mojave" 

dalla rivista Ascendente
 

Stuart Pearson è un talentuoso musicista e cantautore americano originario di Long Island. Appassionato di musica fin dalla giovane età, Stuart trascorreva le estati nella fattoria di suo nonno nel Wisconsin ascoltando artisti musicali iconici come Johnny Cash, Bobby Gentry e Charlie Rich. Tornato a casa, quando la scena punk della città è sbocciata, ha scoperto il rumore prodotto dai NY Dolls, dalla Televisione e dai Ramones, portandolo ai Velvet Underground.
 

La band di Stuart Pearson chiamata Through The Woods è stata votata in modo impressionante come Band of the Year dalla National Academy of Songwriters alla fine degli anni Novanta. Insieme, avrebbero creato il loro suono unico ed eclettico utilizzando oggetti e strumenti come ruote di bicicletta, chitarre ad arco, tuba, glockenspiel, ghironda, squeezebox, banjo, coprimozzi, sax e clarinetto, creando quella che ora viene chiamata "Dark Americana".
 

Più di recente, Stuart ha pubblicato il suo ultimo album intitolato "Mojave", su tutte le piattaforme di streaming digitale. "Mojave" è il secondo di una serie di album di Dark Americana ed è più moderno del suo predecessore intitolato "Dark Americana: Stories and Songs". Mentre è immerso nel polveroso west americano, "Mojave" ha accenni a Tom Waits, Nick Cave e Leonard Cohen gettati in un secchio con i fantasmi del 1800. "Mojave" guarda gli edifici fatiscenti abbandonati che marciscono accanto all'autostrada a due corsie che attraversa la Death Valley. Queste sono ballate assassine, canzoni di decisioni sbagliate, persone cattive e conseguenze negative.
 

"La musica dark americana vuole che tu riempia gli spazi vuoti." - Stuart Pearson

 

COLLOQUIO
 

Ciao, Stuart! Mi piacerebbe sapere, quando hai scoperto per la prima volta la tua passione per la musica?
 

Stuart: Credo di avere circa sei o sette anni. Mio padre suonava un po' il piano quando gli amici erano finiti e ho pensato che fosse la cosa più bella. Ho avuto l'epilessia da bambino e sbattere un dito sui tasti del pianoforte mi ha aiutato a concentrarmi. Mi ha fatto sentire come se fosse tutto a posto. Quando mi sono imbattuto nella mia prima triade in do maggiore, ho pensato di aver appena scoperto la penicillina. Stavo per CAMBIARE IL MONDO con questo CEG. GOOD LORDEE COME POSSONO LE PERSONE NON SAPERE DI QUESTA COSA CEG?!?! Immagina la mia delusione quando ho scoperto che le persone sapevano di CEG. Ho fatto l'unica cosa che potevo fare: ho scritto centinaia di canzoni davvero, davvero terribili. Per fortuna sono migliorati nel tempo.
 

Quali tre parole diresti meglio riassumere chi sei/la tua arte?
 

Stuart: "Gravi danni ai pneumatici". Hai mai visto quel segnale stradale? “Non eseguire il backup. Gravi danni ai pneumatici”. Non voglio fare musica di cui poi mi pentirò. Non voglio ripetermi o fare musica che sembri un compromesso. Detto questo, sarei felice di scrivere un jingle per qualsiasi azienda "secchio di pollo" che ha bisogno di un toe-tapper. Grande fan del pollo qui. Suppongo che la musica occidentale gotica tenda ad essere carne scura.
 

Parlami del tuo ultimo album uscito, "Mojave".. qual è stata l'ispirazione per scriverlo?
 

Stuart: “Mojave” è il secondo album Dark Americana/Gothic Western (il primo si chiama “Stories and Songs”). Avevo appena finito il primo album quando è arrivata la pandemia. Hunter (mia moglie e compagno di scrittura) ed io eravamo abituati a viaggiare dappertutto, ma poi nel panico di metà covid, quando eravamo abbastanza coraggiosi da uscire, guidavamo nel deserto. La Death Valley è un paio d'ore fuori Los Angeles. C'è una sfida per i deserti del Mojave e del Sonora; La natura stessa non ti vuole lì. E quell'attrito naturale rende affascinanti le persone che vivono là fuori. Ci sono alcune aree in cui le persone osano la natura per eliminarle. Il solforico Salton Sea, la città fantasma vivente di Bombay Beach, le colonie d'arte di East Jesus e West Satan. Queste sono cittadine minuscole e adolescenti là fuori. Drifters, artisti, persone che vivono fuori dalla rete. Forse nascondersi da brutte vite precedenti. Celebrano il loro isolamento.
 

La maggior parte degli artisti afferma che attraverso la propria arte imparano di più su se stessi, curano le ferite... in che modo la musica ti ha aiutato?
 

Stuart: La musica mi ricorda che siamo tutti sacchi di carne con storie. Alcuni di noi sono sacchi di carne più eleganti, forse realizzati con una pelle di qualità superiore. Indipendentemente da ciò, alla fine ci riduciamo tutti, ma quella musica rimane solo dopo che siamo stati fertilizzanti. È eterno e sa che non lo sei. La musica ci guarda dall'alto in basso con un certo senso di pietà. Da bambino, mi ha dato un posto dove nascondermi. Tutti i bambini del vicinato sono stati addestrati a correre a casa mia e urlare per mia madre se avessi avuto un attacco mentre giocavo per strada. Quindi a volte non volevo uscire; era imbarazzante quando sarebbe arrivato un attacco. Penso che mi sia piaciuta segretamente tutta quell'attenzione però. Probabilmente mi ha portato a voler essere sul palco, per recuperare tutta quell'attenzione senza sbattere la testa sul cemento.
 

In che modo vuoi che la tua musica aiuti le altre persone?
 

Stuart: È una strana domanda da sellare. Penso che un po' di musica non voglia aiutare le persone – vuole dar loro un'occhiata laterale e farle muovere a disagio avanti e indietro al loro posto. La musica oscura americana vuole che tu riempia gli spazi vuoti. Ti do i brividi. Non tutti gli scrittori fanno quel giuramento di Ippocrate per insegnare al mondo a cantare: alcuni di noi sono solo dei piccoli puzzolenti. Ho avuto la fortuna di vedere la penultima esibizione di Tom Petty all'Hollywood Bowl e mi ha dato un "aha!" momento. Quando sento la musica di Petty, voglio formare una rock band e rubare la birra da un supermercato. Quando sento Bruce Springsteen, voglio costruire alloggi a prezzi accessibili. Amo la musica di entrambi allo stesso modo (lo amo davvero). Per me, seguono solo reazioni diverse, anche se entrambi sono/erano molto filantropici. E lasciatemi ripetere, AMO la musica di Springsteen - per favore niente mail di odio. Abbiamo bisogno di alloggi più abbordabili.
 

Quale diresti è il tuo processo di scrittura delle canzoni?
 

Stuart: Mi piacciono i film davvero brutti. Pessima recitazione, pessime sceneggiature, pessime luci, non ne ho mai abbastanza. Quando vedo un film davvero ridicolo, non posso fare a meno di pensare a come renderlo migliore. È la natura umana: siamo risolutori di problemi, giusto? In quella risoluzione dei problemi arriva un ottimo materiale. Come si scrive una canzone per un film terribile? Scrivi una canzone che la prende in giro? OVVIAMENTE NO! Non sei senza cuore: scrivi qualcosa di pieno di emozioni e raggiungi. Qualcosa di vitale. Fai sapere a quel povero film che ci sono (forse) film peggiori là fuori e tu ci credi. Scrivere canzoni è così – metti sempre dei cerotti sulle cose – ferisci i sentimenti, dovrei-avrei-avuto-potuto. Quello che la musica Dark Americana / Gothic Western fa per me è darmi la libertà di essere cattivo. Dico a Hunter che se ottiene il blocco dello scrittore per scrivere un testo sul cannibalismo, è un argomento terribile, quindi non ha nulla di cui aver bisogno per essere all'altezza.
 

Chi sono i primi artisti musicali che ti hanno ispirato?
 

Stuart: La prima vera influenza per me è stata guardare mio padre suonare il piano quando gli amici erano finiti. Poi mio fratello maggiore aveva una rock band che suonava ad alcune feste e che mi ha davvero lucidato gli ottoni. Oltre a ciò, il primo disco che ho posseduto è stato un 45 di “Bella Notte” della Disney, “The Lady and the Tramp”. Che canzone. Mi piacerebbe coprirlo un giorno, anche se penso che ne rovinerei la perfezione con il mio rumore cupo. Poi c'erano le colonne sonore di "Exodus" e "Fiddler on the Roof" che ho trovato guardandole in tv. Se non fosse stato per mio fratello e mia sorella maggiori che avevano tutti i dischi dei grandi successi della giornata, probabilmente sarei finito a cantare melodie su una nave da crociera nelle Filippine. Grazie a Dio per i Velvet Underground!
 

Qual è la tua canzone preferita che hai scritto o registrato fino ad oggi?
 

Stuart: Penso che il modo migliore per rispondere sia triangolare dove si dirigerà il prossimo album dopo aver mangiato, "Mojave". Se ascolti "You Don't See Me (Jimmy Crack Corn)", "The Interstate" e "Dragging The Lake (on the day of the dead)", avrai un'idea di dove andrà il prossimo album . Sarà oscuro e sperimentale, facendo dei mostri i suoni del banjo. Fisarmoniche con atteggiamenti cattivi. Fiddles che scuotono la tua macchina. Spero che la mia canzone preferita sia in quell'album.
 

Qual è la prossima "grande cosa" che il mondo può aspettarsi da te?
 

Stuart: Quello sarebbe il prossimo album, provvisoriamente intitolato "Carnivals". È nel palco chiuso, nero del sacco della spazzatura, dove è tutto appiccicoso, stranamente caldo e ha un odore strano. Ritmi e tasti si scontreranno in alcuni punti, come un Walmart dopo il Ringraziamento. Sarà comunque melodioso e ti vergognerai di te stesso quando scoprirai che stai cantando insieme.
 

Dove ti esibirai dopo?
 

Stuart: Sto provando ora per iniziare le esibizioni da solista. Mi esibivo con una scimmia giocattolo che sbatteva sui suoi piatti, giocattoli di Natale telecomandati, ghironda e uno Slinky. Questa volta però sarà più oscuro: principalmente una chitarra acustica, una diapositiva e un e-bow. Sto promuovendo "Mojave" nei paesi scandinavi in questo momento e spero di elaborare la logistica per fare una breve serie di spettacoli lì nei prossimi 6-12 mesi. Prima di allora, probabilmente mi farò vedere in diversi posti a Los Angeles per muovere dei bastoncini alle persone.

LEGGI ALTRI ARTICOLI E INTERVISTE

leggi l'articolo sul sito web di Ascendant