1-16-2022.jpg

MUSICA FOLK PER PERSONE CATTIVE NELL'ULTIMO ALBUM DI STUART PEARSON “MOJAVE”

di Musica Rossa

 

La musica Dark Americana di Stuart Pearson sembra adattarsi a qualsiasi cosa, che tu stia godendo il tuo drink preferito al bar, guidando la tua auto, avendo un pensiero profondo o scuotendo la polvere sulla pista da ballo.

Quando abbiamo ascoltato per la prima volta la musica di Stuart Pearson, sapevamo che era un maestro della scrittura di canzoni e della produzione discografica. Ha una voce profonda e liscia come il burro, e suona più di una dozzina di strumenti, oltre a trovare percussioni come vasche da bagno, pentole, padelle e grossi bastoni.

"MOJAVE" è un album dal suono fantastico che ti fa chiedere che tipo di tecniche e microfoni sono stati usati in questo disco. Questa musica è oscura e sembra che più cupa è la canzone, meglio è. È facile prendere i testi senza guardare, sono accattivanti e non ci vuole molto tempo per trovare un significato con la tua interpretazione. Pearson è un uomo misterioso con il suo stesso pensiero creativo che probabilmente dovrebbe essere tenuto segreto perché è un bene che alcune cose non possano essere ricreate.

Poche parole di Pearson sul record: “MOJAVE è stato registrato negli ultimi 18 mesi mentre era in quarantena. È un lavoro di amore e paura".

Ci siamo innamorati anche di alcune canzoni del suo album precedente, ma ecco tre canzoni preferite di "Mojave" selezionate dallo staff di RED Rock Magazine:

"Giù il burrone",

"L'Interstatale" e

"Domani ti darò la caccia".

5-Questions-with-Stuart-Pearson-RED-Rock-Magazine.jpg

Ti piacciono o non ti piacciono le sorprese?

PEARSON: “Beh, non puoi avere una risata onesta senza una sorpresa e non puoi lanciare un grido onesto senza una sorpresa, quindi sì, mi piacciono decisamente le sorprese. Forse è per questo che la natura ci ha dato una visione periferica, per cogliere le sorprese".

Qual è la cosa più spontanea che hai fatto nella tua vita?

PEARSON: “Forse il tempo in cui ho deciso di spendere ogni centesimo che avevo per visitare l'Egitto. Ho finito per trascorrere il mio compleanno nella Grande Piramide di Giza, sdraiato nello scarcofago della Camera del Re mentre un ragazzo che canalizzava l'apostolo Giovanni mi urlava in greco.

Qual è il sogno più strano che tu abbia mai fatto?

PEARSON: “La maggior parte dei miei sogni accadono in una delle tre case che non esistono nel mondo reale. I sogni tendono ad essere abbastanza banali, parlando principalmente con le persone, ma so che sto sognando perché sono in una di quelle case.

Quale libro consiglieresti di leggere ai fan della tua musica?

PEARSON: "Breakfast of Champions" o "Mother Night" di Kurt Vonnegut. Un altro bellissimo che ho letto l'anno scorso è stato "In Montparnasse" di Sue Roe: sono una fanatica del movimento surrealista nella Parigi dei primi del Novecento".

Quali sono le cinque cose senza le quali non puoi vivere?

PEARSON: "1) cose che non capisco 2) vedere quel primo scorcio confuso di una nuova canzone 3) gli strani, casuali difetti di Matrix in cui tutti viviamo 4) cioccolato 5) formaggio."

Altro da Stuart Pearson

Se ti piace "Mojave", ti consigliamo vivamente di dare un'occhiata al suo precedente album completo intitolato Dark Americana: Stories and Songs su Spotify.

Ci sono altri giocatori nel campo di Dark Americana, ma siamo fiduciosi che Stuart Pearson si distingua dalla massa ed è eccezionale nel suo mestiere.

Segui Stuart Pearson su Facebook, Instagram e scopri di più su stuartpearsonmusic.com

READ MORE ARTICLES AND INTERVIEWS

leggi su Red Rock Magazine