Alt77.com - Stuart Pearson – Rise And Fall

Indie Folk, Folk, Americana
 

Stuart Pearson fa eco alle voci dei senza voce nel suo brano folk gotico meridionale Rise And Fall.
 

Tutto risale al blues e al folk, ci raccontano gli insegnanti. Queste sono le braci di tutta la musica moderna, ed è stato così da quando Little Richard ha lanciato un urlo, o Chuck Berry ha fatto scivolare le dita su una tastiera.  
 

Deve esserci del vero in questo se consideriamo le persone ampiamente considerate i più grandi cantautori del nostro tempo. Artisti come Bob Dylan, Tom Waits o Neil Young tornano tutti a questo tipo di musica per il sostentamento. Più a lungo si spingono nelle loro carriere, più le loro voci diventano un tutt'uno con la voce del blues stesso.  
 

Stuart Pearson funge da messaggero per quel tipo di songwriting nella canzone Rise And Fall. È una canzone sull'abietta miseria cantata come se le storie raccontate fossero sempre inevitabili. C'è una gioia alla Tom Waits nel modo in cui lo scrittore riesuma storie di profonda angoscia. E, nonostante tutto, la magistrale costruzione della canzone da parte di Pearson è più che evidente. Alcune persone sono appena nate con il dono di canalizzare il blu più profondo.